il Palio del Velluto


Vai ai contenuti

Menu principale:


Le Calzature

Vestire nel Rinascimento

Le calzature al tempo del Palio
Anna Maria Pasquali

Che scarpe indossavano i cavalieri e le dame alla moda nel Rinascimento?


Gli uomini alla moda indossavano scarpe “a bocca di mucca” o “a zampa d’orso” come si può vedere nel quadro di Holbein(1498-1543) "gli Ambasciatori"


e indossate da Maurizio Luciani del sesto di Terzone




oppure erano a punta larga,
in morbida pelle,in velluto,in seta,in broccato,
imbottite e, a volte provviste di cinturini.


Verso il 1550 divenne di gran moda ornarle di intagli come si può vedere in questi
particolari da un ritratto di Carlo V e dell'arciduca Ferdinando.



.

Erano scarpe per i nobili e i ricchi, inadatte nelle polverose e sporche vie dell'epoca

Le scarpe degli artigiani,dei commercianti avevano la tomaia in pelle di mucca o di pecora.
I contadini indossavano zoccoli di legno e.... i più poveri andavano a piedi nudi



E le dame?

I ritratti dei grandi pittori dell'epoca(Tiziano,Veronese,Bronzino...) mostrano invariabilmente serissime dame a mezzo busto e, nelle immagini a figure intere,dame che indossano abiti lunghissimi che coprono le scarpe.
Che scarpe indossavano allora le dame alla moda nel 1541?

Indossavano pianelle o pantofole di pelle molto sottile, raso o velluto,ornate da pietre preziose, perle, intagli e ricami,



montate su di un'altissima suola in legno o sughero rivestita di tessuto o di cuoio e decorata con pietre preziose.
Venivano chiamate a Venezia Zoppieggi o Sopei,Calcagnini o Tappini in alcune regioni Italiane e Chopines in Francia.

Furono usate all'inizio dalle cortigiane veneziane e poi da tutte le dame alla moda del tempo.
Erano un vero status symbol per dimostrare ricchezza e prestigio,inoltre permettevano alla dama di avere vesti e strascichi più lunghe e mostrare così una quantità maggiore di stoffe preziose.
Le suole raggiungevano i 60 centimetri di altezza costringendo la dama a camminare appollaiata su veri trampoli instabili ,appoggiata e sorretta da due domestici che l'aiutavano a camminare.

Tenuto conto delle condizioni delle strade erano frequenti le cadute e gli aborti!














queste le pianelle attribuite a Beatrice d'Este (1475-1497)






www.vannacalzature.it
www.shoes4you.it/2011/01/04/1516-storia-scarpe-rinascimento-chopines
www.bata.it/novita/on-a-pedestal-from-renaissance-chopines-to-baroque-heel
http://www.historicalitalianshoes.com/ita-s59.asp














































































Torna ai contenuti | Torna al menu