il Palio del Velluto


Vai ai contenuti

Menu principale:


Storia del Costume Rinascimetale:la moda degli uomini

Vestire nel Rinascimento

Rinascimento:
Come vestivano
all'epoca del Palio



Uomini alla Moda

La moda Italiana del Cinquecento risente delle influenze spagnole e francese e a sua volta ispira e influenza la moda di questi paesi .Anche un evento tragico come il sacco di Roma del 1527,ad opera di Carlo V, contribuisce:infatti i Lanzichenecchi per poter indossare gli abiti razziati intagliano le maniche e le brache con tagli longitudinali che diventano subito di gran moda.
Vanno molto i drappeggi e le maniche, ornamento principale dell’abito, raggiungono anche il mezzo metro di diametro!
L'uomo elegante indossa
una grande cappa detta zimarra, o lucco ,una sopravveste con aperture per le braccio, spesso ornata di pelliccia e fornita di maniche finte.


I calzoni hanno le fogge più varie: a sbuffo, grègues e trousses, larghe come le pumphosen tedesche e i braconi italiani. Calzoncini a sbuffo (grègues, trousses) spesso si aprono in intagli (alla moda dei Lanzichenecchi), dai quali appare una fodera rigonfia
Le brache,
sono di taglio molto semplice: la stoffa, lasciata abbondante rispetto alla lunghezza della gamba, viene disposta intorno ai fianchi in profonde pieghe.Calzoni à gigot ,sono i calzoni cortissimi lanciati dalla moda spagnola, molto imbottiti e rotondeggianti.

Costumi ideati da S. Pasquali
Realizzati da G.Chiaretti
Foto A.M.Pasquali
tutti i diritti riservati


Torna ai contenuti | Torna al menu