Il Palio del Velluto
Vai ai contenuti

la moda delle donne

Vestire nel Rinascimento

La Moda delle donne

La veste principale delle popolane è  la semplice gamurra o gonnella, con maniche lunghe e con gonna di forma rotonda, insieme alla cioppa, uno sopravveste elegante, generalmente di colore chiaro luminoso e spesso molto ornata.

A Leonessa la popolana del ‘500 possedeva 2 gonnelle di lana , generalmente una rossa e una verde  abbinata ad una camicia di lino  bianca, che costituiva  uno dei pezzi della propria dote (1). I capi di vestiario erano molto cari , per acquistare una camicia,un mietitore doveva lavorare cinque giorni, un medico quasi due(2) .








La veste delle dame invece ha spesso uno strascico e maniche decorative che pendono  lungo il corpo senza dover assolvere alla loro funzione originale di vestire le braccia, peraltro già coperte dallo gamurra sottostante.

         L’abito femminile nel Cinquecento e  composto da una lunga sottana, larga in fondo e stretta alla vita e da un corto bustino, generalmente con una profonda scollatura quadrata. All’inizio il corpetto e lo gonna erano cuciti insieme a formare un unico indumento, ma più tardi si affermò la separazione completa della parte superiore da quella inferiore.
Esuberanti le maniche rappresentano un importante elemento decorativo; per poter essere staccate e cambiate non vengono cucite al corpetto,ma appuntate con pochi punti,oppure con dei lacci


 

(1)Atlante illustrato della moda
(2)Andrea De Nicola –Lanaioli ,imprenditori e società civile nella Leonessa del Cinquecento


Torna ai contenuti